POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 27 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

decreto coronavirus | 03 Agosto 2020

Illegittimità della dichiarazione di emergenza e dei DPCM che limitavano la libertà di spostamento: annullata la sanzione COVID-19

di La Redazione

È stata annullata la sanzione per il mancato rispetto delle misure anti contagio COVID-19 per illegittimità sia della dichiarazione di emergenza sanitaria (per violazione degli artt. 95 e 78 Cost.), sia dei rispettivi DPCM che limitavano la libertà di spostamento delle persone (per violazione dell’art. 13 Cost.).  

(Giudice di Pace di Frosinone, sentenza n. 516/20; depositata il 29 luglio)

Così il Giudice di Pace di Frosinone, con sentenza n. 516/20, depositata lo scorso 29 luglio, dinanzi al quale il ricorrente si oppone all’atto con cui ha ricevuto la contestazione della violazione del divieto di spostarsi in conseguenza dell’emergenza sanitaria ai sensi del DPCM non specificato.

 

Con apposita deliberazione dello scorso 31 gennaio il CdM dichiarava lo stato di emergenza nazionale a seguito del rischio sanitario derivante da COVID-19, ai sensi dell’art. 7, comma 1, lett. c) e dell’art. 24, comma 1, d.lgs. n. 1/2018, dichiarando per 6 mesi dalla data del presente provvedimento lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili. Ma il menzionato art. 7 si riferisce a fattispecie (eventi calamitosi di origine naturale o derivanti dall’attività dell’uomo) tra le quali però nulla è riconducibile al rischio sanitario. Non vi è, inoltre, nella nostra Costituzione alcun riferimento ad ipotesi di dichiarazione dello stato di emergenza per rischio sanitario. Da ciò deriva che la deliberazione adottata dal CdM è illegittima, emanata in assenza di presupposti legislativi ed emessa in violazione degli artt. 78 e 95 Cost. che non prevedono il potere del CdM di dichiarare lo stato di emergenza sanitaria. Conseguentemente, si ha l’illegittimità di tutti gli atti amministrativi conseguenti, come il DPCM invocato dal verbale opposto in tal sede, con dovere del GdP di disapplicare la dichiarazione dello stato di emergenza sanitaria.

 

Deve dichiararsi, poi, l’illegittimità per violazione dell’art. 13 Cost. del DPCM del 9 marzo 2020 invocato dal verbale opposto e del rinviato DPCM dell’8 marzo 2020, che, allo scopo di contrastare e contenere il COVID-19, vietava ogni spostamento delle persone fisiche al di fuori della propria abitazione, con limitate e specifiche eccezioni, dettando un vero e proprio obbligo di permanenza domiciliare. Tuttavia, nel nostro ordinamento, tale obbligo consiste in una sanzione penale restrittiva della libertà personale che viene disposta dal GdP per alcuni reati.
Ma l’art. 13 Cost. stabilisce che le misure restrittive della libertà personale possono essere adottate solo su motivato atto dell’autorità giudiziaria. Dunque, neppure una legge potrebbe prevedere nel nostro ordinamento l’obbligo di permanenza domiciliare, irrogato direttamente a tutti i cittadini dal legislatore anziché dall’autorità giudiziaria con atto motivato, senza violare l’art. 13 suddetto. E nella fattispecie, trattandosi di un DPCM, ossia di un atto amministrativo, il giudice non deve rimettere la questione di legittimità costituzionale alla Corte Costituzionale, ma deve procedere alla disapplicazione dell’atto stesso illegittimo per violazione di legge.
In conclusione, deve affermarsi l’illegittimità del DPCM invocato dal verbale opposto per violazione dell’art. 13 Cost, con conseguente dovere del GdP di disapplicare il medesimo atto.
Il ricorso viene dunque accolto con annullamento dell’atto opposto.