POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

ultime dal cdm | 03 Agosto 2020

Parità di genere nelle consultazioni elettorali delle Regioni a statuto ordinario: in G.U. il decreto

di La Redazione

Il Consiglio dei Ministri, riunitosi venerdì 31 luglio, ha approvato un decreto legge che introduce disposizioni urgenti in materia di parità di genere nelle consultazioni elettorali delle Regioni a statuto ordinario.  

Il testo del decreto legge, per assicurare da un lato il pieno esercizio dei diritti civili e politici e dall’altro l’unità giuridica della Repubblica, dispone l’esercizio del potere sostitutivo dello Stato, di cui all’art. 120 Cost., nei confronti della Regione Puglia, resasi inottemperante all’invito ad adeguarsi ai principi relativi alla promozione delle pari opportunità tra uomini e donne nell’accesso alle cariche elettive per le elezioni dei consigli regionali di cui alla legge n. 20/2016.
A tal proposito, il decreto legge dispone che:
- ogni elettore può esprimere 2 voti di preferenza di cui uno riservato a un candidato di sesso diverso dall’altro e le schede utilizzate per la votazione sono conseguentemente predisposte;
- nel caso in cui siano espresse 2 preferenze per candidati dello stesso sesso, si procede con l’annullamento della seconda preferenza.

 



Qui il testo del d.l. 31 luglio 2020, n. 86; in G.U. del 31 luglio 2020, n, 191