POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 15 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

ultime dal cdm | 07 Luglio 2020

Il via libera del Governo al d.l. semplificazioni

di La Redazione

Riunitosi ieri 6 luglio 2020, il Consiglio dei Ministri n. 54 ha approvato il decreto legge che introduce misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale, c.d. “d.l. semplificazioni”.

Approvato dal Governo nel corso dell’ultima riunione, il d.l. semplificazioni costituisce un intervento organico volto alla semplificazione dei procedimenti amministrativi, all’eliminazione e alla velocizzazione di adempimenti burocratici, alla digitalizzazione della P.A., al sostegno all’economia verde e all’attività di impresa.
In particolare, il decreto interviene nei seguenti quattro ambiti:
- contratti pubblici ed edilizia: al fine di incentivare gli investimenti nel settore delle infrastrutture e dei servizi, è stata introdotta in via transitoria, fino al 31 luglio 2021, una nuova disciplina degli affidamenti di lavori, servizi e forniture, le cui norme prevendono l’affidamento diretto per prestazioni di importo inferiore a 150.000 euro e una procedura negoziata, senza bando, previa consultazione di un numero di operatori variabile sulla base dell’importo complessivo, per tutte le prestazioni di importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore alle soglie di rilevanza comunitaria.
Sono previste semplificazioni anche in ambito edilizio, soprattutto in riferimento agli interventi di demolizione e ricostruzione e delle procedure di modifica dei prospetti degli edifici;
- procedimenti e responsabilità degli amministratori: circa i procedimenti, per la maggior parte degli adempimenti burocratici, scaduti i termini previsti dalla legge, varrà la regola del silenzio-assenso, con inefficacia degli atti tardivamente intervenuti. Il decreto prevede poi l’introduzione della conferenza di servizi semplificata, il taglio dei costi della burocrazia e l’introduzione per il periodo 2020-2023 dell’Agenda della semplificazione amministrativa.
Per quanto riguarda la responsabilità degli amministratori pubblici è prevista fino al 31 luglio 2021 la limitazione della responsabilità per danno erariale al solo dolo per quanto riguarda le azioni, mentre resta invariata per quanto riguarda le omissioni. La fattispecie del dolo sarà riferita all’evento dannoso e non alla sola condotta;
- diffusione dell’amministrazione digitale: circa la cittadinanza digitale e lo sviluppo dei servizi digitali della P.A. il decreto prevede l’accesso a tutti i servizi digitali della P.A. tramite SPID, carta d’identità digitale (CIE) e tramite AppIO su smartphone, il domicilio digitale per i professionisti, anche non iscritti ad albi, la semplificazione e il rafforzamento del domicilio digitale per i cittadini, la presentazione di autocertificazioni, istanze e dichiarazioni direttamente da cellulare tramite AppIO, semplificazioni per il rilascio della CIE, una piattaforma unica di notifica digitale di tutti gli atti della P.A. e via PEC degli atti giudiziari, la semplificazione della firma elettronica avanzata, il sostegno per l’accesso delle persone con disabilità agli strumenti informatici, regole omogenee per tutte le P.A. per gli acquisti informatici, la formazione digitale dei dipendenti pubblici e la progettazione dei servizi digitali ai cittadini;
- semplificazioni in materia di imprese, ambiente e green economy: per le impreseil decreto prevede, in particolare, la semplificazione e la velocizzazione dei lavori sulle infrastrutture di rete per le comunicazioni elettroniche e la banda larga, oltre che l’aumento dell’importo di erogazione in un’unica soluzione della “Nuova Sabatini” e la semplificazione del medesimo incentivo per le imprese del Mezzogiorno. È prevista anche la semplificazione delle procedure per la cancellazione dal registro delle imprese e dello scioglimento degli enti cooperativi.
Per quanto riguarda poi il sostegno alla tutela dell’ambiente e alla green economy, il decreto introduce la razionalizzazione delle procedure di valutazione d’impatto ambientale (VIA) associate alle opere pubbliche, l’esclusione dall’obbligo di assoggettabilità alla VIA e al regime dei beni e interessi culturali per interventi urgenti di sicurezza sulle dighe esistenti prescritti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che non trasformino in maniera significativa gli sbarramenti, oltre che la semplificazione delle procedure per interventi e opere nei luoghi oggetto di bonifica nei siti di interesse nazionale (SIN).

 

Direttiva PIF. In tema di lotta contro le frodi finanziarie nell’Unione Europea mediante il diritto penale, il Governo ha approvato il decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2017/1371, conosciuta anche come direttiva PIF, che modifica la disciplina dei reati tributari sulla responsabilità amministrativa delle società per i reati commessi dalle persone fisiche nel loro interesse o vantaggio.
Tra le principali novità che il decreto prevede vi sono:
- la  possibilità di punire anche le ipotesi di delitto tentato (e non solo consumato) per i reati fiscali che presentano l’elemento della transnazionalità, se l’imposta IVA evasa non sia inferiore a 10 milioni di euro;
- l’amplificazione del catalogo dei reati tributari per i quali è considerata responsabile anche la società ex d.lgs. n. 231/2001 includendovi ora i delitti di dichiarazione infedele, di omessa dichiarazione e di indebita compensazione;
- l’estensione della responsabilità delle società anche ai delitti di frode nelle pubbliche forniture, al reato di frode in agricoltura e al reato di contrabbando, modulando la sanzione a seconda che il reato ecceda o meno la soglia di 100.000 euro. Risulta ampliato anche il panorama dei delitti contro la P.A. di cui possono rispondere le società, includendovi il delitto di peculato e quello di abuso d’ufficio.
Infine, il decreto interviene in altri settori del diritto penale e, in particolare, su alcune fattispecie di corruzione, includendovi anche i casi in cui siano sottratti denaro o utilità al bilancio dell’Unione o ad altri suoi organismi, con danno superiore a 100.000 euro con la pena massima aumentata fino a 4 anni di reclusione, estendendo la punibilità a titolo di corruzione dei pubblici ufficiali e degli incaricati di pubblico servizio di Stati non appartenenti all’UE, quando i fatti ledono o pongono in pericolo gli interessi finanziari dell’Unione.

 

Direttiva SHRD II. Il Governo si è poi occupato di dare attuazione dell’art. 7 l. n. 117/2019 per quanto riguarda l'incoraggiamento dell'impegno a lungo termine degli azionisti e la disciplina del sistema di governo societario, approvando in esame definitivo il decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2018/2002 che modifica la direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica.
In particolare, il decreto apporta modifiche alla disciplina del sistema di governo societario delle società assicuratrici, con particolare riguardo ai profili relativi alla remunerazione, ai requisiti e ai criteri di idoneità degli esponenti aziendali, dei soggetti che svolgono funzioni fondamentali e dei partecipanti al capitale.
Infine, il decreto amplia l’apparato sanzionatorio previsto per le violazioni delle norme nazionali in materia di impegno a lungo termine degli azionisti, al fine di reprimere anche le violazioni di particolari obblighi a carico degli intermediari, aumentando da 5 a 10milioni di euro il massimo edittale previsto per specifiche fattispecie.