POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 05 luglio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

codice della strada | 19 Giugno 2020

Negata la patente al condannato per i reati in materia di stupefacenti: la questione alla Consulta

di La Redazione

Il TAR Lombardia, con due differenti ordinanze, ha dichiarato rilevanti e non manifestatamente infondate le questioni relative alla legittimità costituzionale dell’art. 120, c. 1, d.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), nella parte in cui dispone che non possono conseguire la patente di guida coloro che sono stati condannati per uno dei delitti previsti in materia di sostanze stupefacenti e coloro che sono stati sottoposti alle misure di prevenzione.  

(TAR Lombardia, sez. I, ordinanza n. 1075/20; depositata il 16 giugno)

(TAR Lombardia, sez. I, ordinanza n. 1076/20; depositata il 16 giugno)

Ordinanza 16 giugno 2020, n. 1076. Un ricorrente impugnava il provvedimento con cui l’Ufficio della Motorizzazione di Milano ha negato il rilascio del titolo abilitativo alla guida, risultando inserito nel sistema informativo del Dipartimento...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.