POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 02 giugno 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

decreto coronavirus | 30 Marzo 2020

In Gazzetta Ufficiale il decreto a sostegno dei Comuni

di La Redazione

Firmato lo scorso 28 marzo dal Presidente Conte, il d.P.C.M. contenente i criteri di formazione e di riparto del fondo di solidarietà comunale 2020 è stato pubblicato in G.U. del 29 marzo 2020, n. 83.

Il d.P.C.M. 28 marzo 2020 recante i criteri di formazione e di riparto del fondo di solidarietà comunale 2020 si compone di 11 articoli che chiariscono innanzitutto la composizione di tale fondo, la determinazione della dotazione per l’anno 2020 e il riparto della quota per i Comuni delle Regioni a statuto ordinario, oltre che per i Comuni delle Regioni di Sicilia e Sardegna.
In particolare, il fondo di solidarietà comunale è composto:
- dalla quota assicurata attraverso una quota IMU spettante ai Comuni, incrementata dell’ulteriore quota IMU derivante dalla regolazione dei rapporti finanziari connessi con la metodologia di riparto tra i comuni interessati al Fondo;
- dalla quota di cui all’art. 1, comma 449, lett. d-bis), l. n. 232/2016 nel limite massimo di 25mila euro;
- dalla quota di cui all’art. 1, comma 449, lett. a), l. n. 232/2016 pari a €3.753.279.000;
- dalla quota di cui all’art. 1, comma 449, lett. d-ter), l. n. 232/2016 peri a €5.500.000.

 

Clicca qui per consultare la sezione dedicata al decreto Coronavirus



Qui il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 28 marzo 2020; in G.U. del 29 marzo 2020, n. 83