POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 26 gennaio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

ultime dal cdm | 10 Gennaio 2020

Il Governo istituisce il Ministero dell’istruzione e il Ministero dell’università e della ricerca

di La Redazione

Due nuovi Ministeri istituiti, con decreto legge n. 1/2020 (già pubblicato in G.U. del 9 gennaio n. 6), nell’ultimo Consiglio dei Ministri di giovedì scorso, che vanno a sostituire l’attuale Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.  

Nel Consiglio dei Ministri n. 22 è stato approvato il d.l. n. 1/2020 che introduce disposizioni urgenti per l’istituzione del Ministero dell’istruzione e del Ministero dell’università e della ricerca che vanno a sostituire l’attuale Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.
Il Ministero dell’istruzione avrà le competenze in materia di sistema dell’istruzione scolastica e dell’istruzione tecnica superiore. Mentre il Ministero dell’università e della ricerca avrà competenze sui sistemi della formazione superiore universitaria, dell’istruzione universitaria e della ricerca scientifica a tecnologica, ed inoltre quelle relative all’alta formazione artistica, musicale e coreutica (dopo l’allineamento con il sistema universitario previsto dalla l. n. 508/1999).
La dotazione organica dei due Ministeri non potrà essere superiore a quella dell’attuale Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca alla data di entrata in vigore del decreto, incrementata però di due posizioni dirigenziali di prima fascia e dei responsabili degli uffici di collaborazione diretta. Infine, dal nuovo assetto organizzativo, il decreto legge specifica che non potranno derivare oneri aggiuntivi a carico della finanza pubblica.
In allegato il d.l. n. 1/2020.

Nello stesso cdm è stato approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che introduce disposizioni correttive e integrative del d.lgs. di recepimento della direttiva UE n. 2015/2366 relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, nonché di adeguamento delle disposizioni interne al regolamento UE n. 751/2015 relativo alle commissioni interbancarie sulle operazioni di pagamento basate su carta.

 



Qui il decreto legge del 9 gennaio 2020 n. 1; in G.U. del 9 gennaio 2020, n. 6