POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 28 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

edilizia | 08 Gennaio 2020

Il box in legno è una struttura precaria che non richiede licenza

di Stefano Manzelli

La recinzione metallica con pali di legno e lamiera finalizzata ad offrire alloggio ai cani accolti da una associazione non richiede alcuna licenza edilizia. A maggior ragione se si tratta di installazioni precarie realizzate su un terreno agricolo, senza pavimento, con la sola finalità di offrire ristoro agli animali.  

(TAR Campania, sez. III, sentenza n. 4/20; depositata il 2 gennaio)

Lo ha evidenziato il Tar Campania, sez. III, con la sentenza n. 4 del 2 gennaio 2020.   La vicenda processuale. Un gruppo di volontari ha realizzato dei box per offrire riparo ai cani randagi in un terreno agricolo messo a disposizione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.