POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 14 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

tutela del consumatore | 27 Novembre 2019

Presunta pratica commerciale scorretta di Poste Italiane: interviene l’Antitrust

di La Redazione

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato avvia l’attività istruttoria nei confronti di Poste Italiane s.p.a.: sembrerebbe che la stessa società abbia attuato pratiche commerciali scorrette nell’ambito del servizio di recapito della corrispondenza, in particolare delle raccomandate.  

Questo è quello che si evince dal comunicato stampa del 26 novembre dell’Autorità Antitrust.

 

Pratica commerciale scorretta. L’attività istruttoria è stata avviata nei confronti di Poste Italiane s.p.a. al fine di accertare una presunta pratica commerciale scorretta, realizzata nel servizio di recapito della corrispondenza, in particolar modo delle raccomandate, in violazione degli artt. 20, 21 e 22 codice del consumo.
Sembrerebbe, per l’Autorità, che il cliente/mittente che decida di inviare una raccomandata tramite Poste Italiane potrebbe essere indotto in modo ingannevole ad acquistare un servizio pubblicizzato da claim che ne enfatizzano caratteristiche poi non rispettate.
Inoltre, l’Antitrust ha notato che, con riferimento al tentativo di recapito della corrispondenza, l’avviso di giacenza del plico contenente la raccomandata verrebbe depositato spesso nella cassetta postale del destinatario senza previo accertamento della presenza o meno di questi nel proprio domicilio, costringendolo, per entrare in possesso del plico, ad esperire procedure alternative previste dalla società, con un allungamento dei tempi di consegna.
Infine, Poste Italiane avrebbe anche veicolato messaggi ingannevoli relativi al servizio del cosiddetto Ritiro digitale, con riferimento alle condizioni economiche e di utilizzo.
Sulla base di tali considerazioni, l’Antitrust ha svolto ispezioni nelle sedi della società.