POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 13 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

PAT - prassi | 06 Novembre 2019

Dall'AgId le Linee Guida per il rilascio delle identità digitali per uso professionale

di La Redazione

L’AgId ha pubblicato le Linee guida sulle modalità di rilascio delle identità digitali per uso professionale, cui i gestori del sistema SPID devono attenersi.  

L’AgId ha pubblicato delle Linee guida per il rilascio delle identità digitali per uso professionale (SPID). Le indicazioni contenuto nel regolamento individuano le modalità che gli Identity Provider devono seguire per il rilascio delle identità ad uso professionale, consentendo di veicolare attraverso SPID i dati della persona fisica e quelli dell’organizzazione di appartenenza.

 

Rilascio. Nel rilasciare l’identità digitale ad uso professionale della persona fisica, il gestore dell’identità deve verificare l’identità del richiedente. Al fine di rilasciare l’identità digitale uso professionale per la persona giuridica, invece, il gestore dell’identità deve: a) verificare l’identità personale della persona fisica richiedente; b) verificare che il richiedente abbia titolo per richiedere l’identità digitale per la persona giuridica.

 

Ottenere l'identità ad uso professionale. Al fine di ottenere l’identità digitale per uso professionale per la persona giuridica, l’interessato, dopo essere stato autorizzato dall’utente di gestione: a) accede al servizio di rilascio dell’identità reso disponibile dall’IdP su canale protetto su cui inserisce il token ricevuto, i dati personali e il codice di controllo;  b) il servizio di rilascio dell’identità dell’IdP, dopo aver ricalcolato il token di autorizzazione con i dati inseriti dall’interessato e averne verificata la corrispondenza con quanto ricevuto dal sistema di gestione, provvede a rilasciare l’identità digitale inviando almeno una delle credenziali SPID via sms o email ai recapiti ottenuti ai sensi della precedente lettera a). In ogni caso, invia all’indirizzo e-mail dichiarato dall’interessato all’utente di governo una comunicazione in cui si informa di aver rilasciato l’identità digitale.

 

Entrata in vigore. Le Linee guida sono state emanate, ai sensi dell’art. 71 del Codice dell’Amministrazione digitale, con la Determina n. 318/2019 ed entreranno in vigore dal 1° dicembre 2019.

 

(Fonte: ilprocessotelematico.it)

 



Qui le Linee Guida dell’Agenzia per l’Italia Digitale del 6 novembre 2019