POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 15 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

ultime dal cdm | 20 Settembre 2019

Sicurezza cibernetica: nuove disposizioni dall’Esecutivo

di La Redazione

È stato approvato nel Consiglio dei Ministri n. 4, tenutosi giovedì 19 settembre a Palazzo Chigi, il decreto-legge contenente disposizioni urgenti in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica.  

Il decreto ha lo scopo di assicurare un elevato livello di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi ed informatici delle pubbliche amministrazioni e degli enti nazionali, pubblici e privati, attraverso l’istituzione di un perimetro di sicurezza nazionale cibernetica. Sono previste misure idonee a garantire i necessari standard di sicurezza per minimizzare i rischi.
Le disposizioni, in particolare, definiscono le finalità del perimetro e le modalità di individuazione dei soggetti pubblici e privati che ne fanno parte; prevedono il coinvolgimento del Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica (CISR) nella fase attuativa; istituiscono un meccanismo volto ad assicurare un “procurement” sicuro per i soggetti inclusi nel perimetro che intendono affidare forniture di beni di information and communication technology (ICT) destinati ad essere impiegati sulle reti; infine prevedono che l’esercizio dei poteri speciali in relazione alle reti e ai servizi informatici nonché strategici di comunicazione a banda larga basati sulla tecnologia 5G, sia effettuato previa valutazione degli elementi indicanti la presenza di fattori vulnerabili da parte dei centri di valutazione indicati dalla nuova normativa.