POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 21 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

privacy | 21 Agosto 2019

‘Privo di equilibrio’ il giudice che rivela la deliberazione del Collegio relativa all’assoluzione dell’imputato

di Giulia Milizia

L’attività del giudice si fonda su tre criteri: autonomia, indipendenza ed equilibrio, inteso come «esercizio della giurisdizione condotto con senso della misura e moderazione». Il magistrato che rivela la deliberazione del Collegio penale, in aperto dissenso con gli altri componenti, non solo viola il segreto istruttorio, ma dimostra di non rispettare questo ultimo criterio, essendo irrilevanti l’unicità dell’episodio ed altri motivi (salute etc.) che l’hanno spinto a commettere questo errore.  

(Consiglio di Stato, sez. V, sentenza n. 5309/19; depositata il 29 luglio)

È quanto deciso dal Consiglio di Stato, sez. V, con sentenza n.5309/19, depositata il 29 luglio.   Il caso. Un magistrato in servizio presso il Tribunale di Ascoli Piceno non passava la VI valutazione di professionalità,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.