POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 26 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

concorso magistrati | 24 Maggio 2019

Concorso per 330 posti di magistrato ordinario: i codici ammessi alle prove scritte

di La Redazione

Con una nota esplicativa, la commissione d’esame del concorso a 330 posti di magistrato ordinario, ha indicato i codici ammessi alle prove scritte che si terranno i prossimi 4, 5 e 7 giugno.  

Si ricorda che le prove scritte si svoleranno i giorni 4, 5 e 7 giugno, come da diario pubblicato in G.U. dello scorso 29 marzo, n. 25, con ingresso dei candidati nelle sale alle ore 8:00. In realtà le operazioni concorsuali avranno inizio il prossimo 1° giugno a Roma, nei locali della Fiera di Roma, via Portuense 1645, 1647.

 

La tipologia di codici ammessi. Al fine di ribadire il buon andamento delle operazioni concorsuali, la commissione esaminatrice ribadisce che sono vietati i codici illustrati, annotati e/o commentati con dottrine e/o giurisprudenza, esplicati articolo per articolo, con schemi, mappe o tabelle esplicative, che non siano quelle previste dalla legge, aggiunte, suggerimenti o specificazioni dottrinali.
Sono invece ammessi i codici, comunemente diffusi in commercio, corredati da indici cronologici, analitico-alfabetici e/o sommario.
Il controllo sui codici portati dai candidati sarà comunque effettuato dalla commissione d’esame e qualora si riscontrino difformità si procederà con denuncia penale.