POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 18 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

appalto | 29 Aprile 2019

Il decreto "sblocca cantieri" e le rinnovate (e sempiterne!) speranze di semplificazione

di Massimiliano Alesio - Avvocato

Le "date", dietro un apparente profilo di scarsa importanza, rivelano, con grande frequenza, elementi di forte suggestione e realtà. Ed, infatti, come possono passare inosservate due precise date: il 19 aprile 2016 entrava in piena operatività il nuovo codice dei contratti pubblici (il d.lgs. n. 50/2016), destinato non solo a sostituire il pregresso codice (il codice De Lise, approvato con il d.lgs. n. 163/2006), ma anche a rivoluzionarne la "filosofia di fondo"; il 19 aprile 2019 (tre anni esatti dopo!) è entrato in vigore il decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32, meglio noto come "decreto sblocca cantieri".

Trattasi di un decreto-legge, intenzionalmente ed enfaticamente (come è ben possibile leggere in sede di premesse del provvedimento normativo d'urgenza) rivolto "a favorire la crescita economica e a dare impulso al sistema produttivo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.