POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 26 marzo 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

PAT – prassi | 11 Gennaio 2019

Copia di cortesia obbligatoria: il no dell’Ordine di Milano e dell’Unione Amministrativisti

di La Redazione

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Milano, appoggiando l’iniziativa dell’Unione Nazionale Avvocati Amministrativisti, ha chiesto l’abrogazione dell’obbligo di deposito della copia di cortesia.  

Contrarietà all’obbligo. Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Milano, con una delibera pubblicata lo scorso 20 dicembre 2018, ha appoggiato l’iniziativa dell’Unione Nazionale Avvocati Amministrativisti chiedendo a Governo e Parlamento  «un urgente intervento per l’abrogazione della previsione dell’obbligatorietà (del deposito della copia di cortesia) affinché possa essere favorito il processo digitalizzazione e informatizzazione dell’amministrazione giudiziaria».

Tramite una lettera datata 6 dicembre 2018, infatti, l’Unione degli Amministrativisti si era proclamato assolutamente contrario alla norma inserita nel Decreto Sicurezza che manteneva definitivamente nel giudizio amministrativo l’obbligo di deposito delle copie cartacee.

 

CNF. Già il Consiglio Nazionale Forense, nella seduta dello scorso 14 dicembre, aveva deliberato di domandare a Governo e Parlamento l’abrogazione della "obbligatorietà del deposito delle copie cartacee nel giudizio amministrativo", ritenendo tale dovere in contrasto con l’intento di semplificazione.

(Fonte: ilprocessotelematico.it)

 

 

 

 



Qui la lettera dell’Unione Nazionale degli Avvocati Amministrativisti del 6 dicembre 2018

Qui la delibera dell’Ordine degli Avvocati di Milano del 20 dicembre 2018