POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 24 settembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 14 Settembre 2018

I Giudici di pace revocano lo sciopero previsto dal 17 settembre al 14 ottobre 2018

L’astensione nazione dei Giudici di Pace dalle udienze, prevista dal 17 settembre al 14 ottobre 2018 è revocata. Ad annunciarlo è L’Unione Nazione Giudici di Pace in seguito alla decisione del sottosegretario Morrone di dare il via ad un tavolo tecnico per la revisione della riforma Orlando.  

Sciopero revocato. L’UNAGIPA (Unione Nazionale Giudici di Pace) ha revocato l’astensione nazionale dei giudici di pace dalle udienze prevista dal prossimo 17 settembre al 14 ottobre.
Il motivo della revoca è dato dal fatto che il sottosegretario allo Giustizia Jacopo Morrone ha svolto un incontro con le associazioni di categoria il 30 agosto, durante il quale è stato stabilito l’avvio di un tavolo tecnico con la presenza dei rappresentanti delle diverse categorie interessate al fine di rivedere la contestata riforma Orlando, disponendo l’inizio immediato dei lavori.
Il presidente dell’UNAGIPA, Maria Flora di Giovanni, chiarisce che «prendo atto che per la prima volta nei confronti della magistratura onoraria si avvia un percorso serio e credibile, che tiene conto dell’impegno inserito nel contratto di governo in merito alla revisione della riforma Orlando».