POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 16 agosto 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

tutela dei consumatori | 03 Agosto 2018

Dall’Agcom la “liberalizzazione” del modem per l’accesso ad internet

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha approvato, con delibera n. 348/18/CONS del 18 luglio 2018, le misure attuative del regolamento europeo relativo all’accesso ad una rete internet aperta, con libertà di scelta, da parte degli utenti, delle apparecchiature terminali utilizzate per l’accesso da postazione fissa.  

La libertà di scelta dei terminali per accedere ad internet. Obiettivo dell’Autorità (espletato con delibera n. 348/18/CONS del 18 luglio 2018) per le garanzie nelle comunicazioni è quello di consentire scelte consapevoli e informate, nonché quello di tutelare i consumatori finali, dettando prezzi e modalità di vendita dei terminali e dei servizi collegati ricadenti sui fornitori di servizi di accesso alla rete, in base alla normativa in oggetto, artt. 70 e 71 del codice delle comunicazioni elettroniche.
Da oggi, infatti, gli utenti hanno diritto di scegliere liberamente le apparecchiature terminali di accesso ad internet da postazione fissa.
In particolare, gli operatori di reti pubbliche di comunicazioni e i fornitori di servizi di comunicazione non possono rifiutare di collegare i terminali alla propria rete se «l’apparecchiatura scelta dall’utente soddisfa i requisiti di base previsti dalla normativa europea e nazionale, né imporre all’utente oneri aggiuntivi o ritardi ingiustificati, ovvero discriminarne la qualità dei servizi inclusi nell’offerta, in caso di collegamento ad un’apparecchiatura terminale di propria scelta». Allo stesso tempo, i fornitori devono offrire agli utenti informazioni adeguate per la corretta attestazione della funzionalità di connessione e la configurazione degli apparecchi, sostitutivi o integrativi, di propria scelta; pertanto, i contratti stipulati con gli operatori non possono contenere clausole che limitino il diritto degli utenti ad utilizzare tali terminali.
Inoltre, qualora gli operatori offrano un proprio terminale in abbinamento con il servizio di connessione devono garantire che il consumatore possa scegliere eventualmente un proprio terminale con l’ulteriore obbligo di fornire tutte le specifiche necessarie al suo funzionamento.
Prosegue l’Autorità ribadendo che le due libertà economiche da salvaguardare sono «quella della libera scelta dell’utente dell’apparecchiatura terminale e quella commerciale dell’impresa anche attraverso offerte abbinate».

 



Qui la circolare dell’Agcom del 18 luglio 2018, n. 348/18/CONS