POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 24 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

circolazione stradale  | 17 Maggio 2018

La patente non salta per semplici chiacchere sul consumo di droga

di Stefano Manzelli

Il provvedimento di revisione della patente di guida può essere adottato a carico del consumatore abituale di sostanze stupefacenti in conformità all'art. 128 del codice stradale. Ma non bastano generiche segnalazioni ai carabinieri per imporre un controllo medico straordinario sull'autista.

(TAR Veneto, sez. I, sentenza n. 482/18; depositata il 3 maggio)

Lo ha chiarito il TAR Veneto, sez. I, con la sentenza n. 482/18 del 3 maggio. Il fatto. A seguito della segnalazione degli organi di vigilanza stradale la motorizzazione ha adottato un provvedimento di revisione della licenza di guida, previo nuovo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.