POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 10 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

diritto di difesa | 03 Gennaio 2018

L’equo processo nei procedimenti disciplinari

di Giulia Milizia

Il rispetto del giusto procedimento (mutuato dall’anglosassone due process of law), delle garanzie processuali e del diritto alla difesa, letti anche alla luce dei principi e della prassi della CEDU e della CGUE, non si esauriscono nel passaggio formale dell’audizione o nell’acquisizione acritica delle deduzioni scritte dell’incolpato, ma deve integrare una completa valutazione delle circostanze e dei fatti alla luce degli apporti partecipativi, valutazione che deve altresì emergere dalla motivazione del provvedimento conclusivo del procedimento disciplinare.

(TAR Molise, sez. I, sentenza n. 529/17; depositata il 12 dicembre)

È quanto chiarito dalla sentenza del TAR Molise n. 529, depositata il 12/12/17, che de facto detta principi validi anche per altri procedimenti disciplinari. Il caso. Un poliziotto mandò un rapporto di servizio al Questore in cui...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.