POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 23 settembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

legge elettorale | 22 Dicembre 2017

Troppi voti di fiducia per approvare la legge elettorale: la Consulta dichiara inammissibile il conflitto tra poteri

di Giuseppe Marino - Avvocato e Dottore di ricerca in Giustizia costituzionale

I ricorsi con i quali alcuni parlamentari e rappresentanti del gruppo parlamentare del MoVimento 5 Stelle hanno sollevato il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato contro gli atti di approvazione delle leggi elettorali vigenti sono inammissibili per l’indeterminatezza del profilo soggettivo, delle sfere costituzionali asseritamente lese e dell’oggetto della pretesa. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale, con l’ordinanza n. 280, depositata il 21 dicembre 2017.

(Corte Costituzionale, ordinanza n. 280/17; depositata il 21 dicembre)

Il M5S prova a far “saltare” il Rosatellum e quello che resta dell’Italicum. A pochi mesi dalle elezioni politiche, la Consulta è stata chiamata a decidere sull’ammissibilità del conflitto di attribuzioni tra poteri...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.