POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 luglio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

privacy | 21 Dicembre 2017

Il Garante privacy sul sistema “gestione code” delle Poste e sull’autonoleggio

Il Garante per la protezione dei dati personali, con la Newsletter del 21 dicembre 2017, n. 436, rende note le ultime decisioni in tema di sistemi di gestione delle attese negli uffici postali e database per il noleggio d’auto.

Il sistema di “gestione code”. Illegittima l’installazione negli uffici postali di display luminosi collocati sopra gli sportelli indicanti il nome dell’operatore. Questa è stata la decisione del Garante per la protezione dei dati personali in seguito ad un’istruttoria avviata su iniziativa dei dipendenti e dei sindacati.
Il Garante ha infatti riscontrato che tale sistema di “gestione delle code” non solo era stato adottato in assenza di un’adeguata informativa ai dipendenti relativa al trattamento dei propri dati personali, ma di fatto poteva consentire il «monitoraggio pervasivo».
Infatti, attraverso una «console di monitoraggio» era possibile accedere in tempo reale e continuato  ai dati relativi a tutte le postazioni e agli operatori in servizio presso un determinato ufficio.

La banca dati dell’autonoleggio. Il Garante per la privacy ha autorizzato la costituzione di un database nel settore dell’autonoleggio.
La banca dati potrà rappresentare un efficace strumento per il contrasto e la prevenzione di anomalie nei contratti di autonoleggio e sarà aggiornata, nonché gestita, da Aniasa, un’organizzazione che rappresenta circa il 95% delle società di autonoleggio.
I dati personali della clientela potranno essere conservati solo per il tempo necessario.
Non vi dovranno figurare invece i dati sensibili e giudiziari né i dati identificativi di vittime di furti di identità» e la registrazione nel database dovrà avvenire solo al verificarsi di specifiche condizioni, come l’irripetibilità del cliente o la mancata restituzione del veicolo con ritardo superiore a 30 giorni.
L’accesso alla banca dati sarà invece consentito alle società eroganti il servizio di noleggio e solo dal momento di formalizzazione della richiesta di noleggio stesso.