POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 19 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

privacy | 27 Novembre 2017

Il foglio di via obbligatorio viola l’art. 8 Cedu se impedisce l’assistenza del padre malato

di Giulia Milizia

L’art. 8 Cedu tutela la privacy intesa in senso lato, comprendente anche la serenità e l’unità familiare. Ergo il rimpatrio con foglio di via obbligatorio verso il Comune di residenza di un uomo trovato in possesso di eroina, visti i suoi precedenti penali e di polizia, che si trovava in un’altra città per assistere il padre ospedalizzato, è una misura arbitraria e sproporzionata che viola tale norma.

(TAR Umbria, sez. I, sentenza n. 720/17; depositata il 20 novembre)

È quanto sancito dal TAR Umbria con la sentenza n. 720/17, depositata il 20 novembre. Il caso. Il ricorrente, residente a Roma, si trovava a Terni per assistere il padre gravemente malato ricoverato in ospedale per un intervento chirurgico....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.