POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 23 novembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

appalti pubblici | 29 Agosto 2017

Valutazione dell’offerta e miglior prezzo nelle gare

di Marilisa Bombi

Illegittimo il bando di AMA per il servizio postale; perché la base d’asta deve essere credibile e non, invece, formulata su stime irrealistiche e disancorate dalla realtà dei valori di mercato. In sostanza, l’enorme divario tra la base d’asta della procedura di affidamento ed i ribassi offerti dai concorrenti (superiori al 50%) costituisce elemento valutabile in chiave sintomatica di un non corretto esercizio della pur ampia discrezionalità che l’art. 89 d.lgs. n. 163/2006 codice dei contratti pubblici attribuisce alle stazioni appaltanti.

(Consiglio di Stato, sez. V, sentenza n. 4081/17; depositata il 28 agosto)

Soprattutto se per l’attribuzione dei punteggi non si è proceduto al raffronto tra i ribassi percentuali sulla base d’asta, con il porre a base del rapporto tra le offerte il ribasso maggiore, ma tra la base d’asta –...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.