POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

ultime dal cdm | 17 Marzo 2017

Il Governo dispone norme urgenti su voucher e appalti pubblici

Il Consiglio dei Ministri n. 18, riunitosi venerdì 17 marzo 2017, si è tenuto a Palazzo Chigi, sotto la presidenza di Paolo Gentiloni. Principalmente il Consiglio ha provveduto a disporre norme urgenti relative a voucher e appalti, oltre che ad approvare dei decreti legislativi per l'attuazione e l'adeguamento della normativa nazionale al diritto comunitario.

In apertura, la Sottosegretaria alla Presidenza, Boschi, ha comunicato i dati aggiornati sullo stato di attuazione del programma di Governo.

Abrogate le norme su voucher e appalti pubblici. Nel Consiglio dei Ministri n. 18 si è provveduto «ad approvare un decreto legge volto a sopprimere l’istituto del lavoro accessorio (cd. voucher) e a modificare la disciplina sulla responsabilità solidale in materia di appalti».
Per quanto attiene al primo si prevede un regime transitorio, vigente fino al 31 dicembre 2017; gli obiettivi del secondo, invece, sono quelli di «ripristinare integralmente la responsabilità solidale del committente con l’appaltatore nonché con ciascuno degli eventuali subappaltatori», a tutela dei lavoratori impiegati.

Attuazione di norme europee. Sono poi stati approvati tre decreti legislativi che introducono misure necessarie all’attuazione e all’adeguamento della normativa nazionale a direttive o regolamenti europei. I decreti riguardano: «Qualità dei combustibili e promozione dell’uso di energia da fonti rinnovabili», «ordine europeo di indagine penale» e «etichettatura» dei prodotti e alimenti.