POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

PAT - giurisprudenza | 17 Marzo 2017

Il deposito della “copia d’obbligo” è condizione per il decorso del termine dilatorio “a ritroso” dall’udienza camerale

Il decorso del termine dilatorio di dieci giorni liberi “a ritroso” dall’udienza camerale ex art. 55, comma 5, c.p.a. è subordinato al deposito di copia cartacea del ricorso.

Il TAR Lazio si è pronunciato in merito al ricorso proposto da una società per l’annullamento, previa sospensione, di un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’obbligo di deposito della copia cartacea. Osserva il Tribunale che l’art. 7, comma 4, d.l. n. 168/2016 (convertito in l. n. 197/2016) ha introdotto, per le controversie per le quali si applicano le disposizioni del PAT, l’obbligo, per tutto il 2017, di depositare in giudizio almeno una copia cartacea del ricorso e degli scritti difensivi, con attestazione di conformità al relativo deposito telematico. Come precisato dal Consiglio di Stato (ordinanza 3 marzo 2017, n. 880), il deposito della copia cartacea è condizione per l’inizio del decorso del termine dilatorio di dieci giorni liberi a “ritroso” dall’udienza camerale ex art. 55, comma 5, c.p.a. (cinque in caso di termini “dimidiati”).
Ne deriva l’impossibilità di fissare un’udienza prima dell’inizio del decorso di tale termine (nel caso in cui l’udienza sia stata già fissata, il ricorso cautelare viene trattato e definito in un’udienza camerale anteriore al completo decorso del temine citato).
Rileva il TAR che nel caso in esame non è ancora decorso il termine per la trattazione dell’istanza cautelare che, quindi, viene rinviata alla camera di consiglio.

(Fonte: www.ilprocessotelematico.it)



Qui l’ordinanza del TAR Lazio del 9 marzo 2017, n. 3258