Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 28 marzo 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

ultime dal cdm | 17 Febbraio 2017

Il Consiglio dei Ministri sulla riforma della Pubblica Amministrazione e delle società partecipate

Il Consiglio dei Ministri n. 13 si è svolto oggi, venerdì 17 febbraio 2017, a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del presidente Gentiloni. Tra gli argomenti affrontati vi è, in particolare, quello della riforma della Pubblica Amministrazione e delle società partecipate.

La riforma della PA e delle società partecipate. Nella giornata di oggi, venerdì 17 febbraio, si è riunito il Consiglio dei Ministri n. 13 che ha approvato due decreti legislativi contenenti disposizioni integrative e correttive ai decreti di attuazione della riforma della Pubblica Amministrazione e al testo unico in materia di società a partecipazione pubblica. Tale intervento dà applicazione alla recente sentenza con cui la Corte Costituzionale ha censurato il procedimento di attuazione previsto dall’art. 18, l. n. 124/2015, nella parte in cui stabilisce che i decreti legislativi attuativi siano adottati previa acquisizione del parere reso in Conferenza unificata, anziché previa intesa.
I provvedimenti presi hanno riguardato il licenziamento disciplinare prevedendo un maggior termine per esercitare l’azione di risarcimento per i danni di immagine alla PA e l’obbligo di comunicazione dei provvedimenti disciplinari all’Ispettorato per la funzione pubblica entro 20 giorni dall’adozione degli stessi. I provvedimenti hanno riguardato, poi, le società a partecipazione pubblica.
Il Consiglio dei Ministri ha anche approvato «un regolamento, da attuarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, che riorganizza il Ministero del lavoro e delle politiche sociali in seguito all’istituzione dell’Ispettorato nazionale del lavoro e dell’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro ad opera dei d.lgs. nn. 149 e 150/2015».