POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 26 aprile 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

spese di giustizia | 08 Febbraio 2017

Si deve pagare il contributo unificato per l’introduzione di motivi aggiunti?

di Giulia Milizia

Il contributo unificato deve essere versato non solo all’atto del deposito del ricorso introduttivo del giudizio avverso la decisione adottata dalla PA in materia di aggiudicazione di appalti pubblici, ma il medesimo importo deve essere parimenti versato per i ricorsi incidentali e per i motivi aggiunti che introducono domande nuove nel corso del giudizio.

(Consiglio della Giustizia Amministrativa per la Regione Sicilia, sentenza n. 27/17; depositata il 31 gennaio)

È quanto deciso dal Consiglio della Giustizia Amministrativa per la Sicilia con la sentenza n. 27/17 depositata il 31 gennaio scorso, ribadendo che spetta al giudice amministrativo decidere sull’esonero o meno del saldo di questo tributo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.