Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 30 maggio 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

Jobs Act | 11 Gennaio 2017

Inammissibile il referendum sull’art. 18, via libera invece a quello su voucher e appalti

Si è pronunciata la Corte Costituzionale sull’ammissibilità dei tre referendum in materia di lavoro. Il quesito sui licenziamenti illegittimi è inammissibile, contrariamente sono stati ammessi quelli sul lavoro accessorio (voucher) e sulla responsabilità solidale in materia di appalti.

Il parere della Consulta. Con comunicato stampa dell’11 gennaio la Corte Costituzionale ha dichiarato l’inammissibilità del referendum denominato “Abrogazione delle disposizioni in materia di licenziamenti illegittimi”. Il quesito era stato proposto al fine di abrogare le modifiche che il Jobs Act aveva apportato allo Statuto dei lavoratori.
Gli altri due quesiti, invece, denominati “Abrogazione disposizioni limitative della responsabilità solidale in materia di appalti” e “Abrogazione disposizioni sul lavoro accessorio (voucher)”, sono stati dichiarati ammissibili.



Qui il comunicato stampa della Corte Costituzionale