POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 28 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

trasporti | 16 Dicembre 2016

Corte Costituzionale: “non si può vietare Uber”. Una pronuncia che guarda al futuro dei trasporti privati

Tra innovazioni tecnologiche e leggi che risalgono al periodo precedente alla “rivoluzione digitale” spesso accade che si creino dei contrasti, all’apparenza insanabili. Questo è ciò che avviene anche nel settore dei trasporti, dove una legge regionale, riproducente una legge statale che risale al 1992, si pone in aperto contrasto con quei fenomeni di più recente nascita, quali il car sharing e i “trasporti privati non di linea”, quali quelli offerti da Uber.

(Corte Costituzionale, sentenza n. 265/16; depositata il 15 dicembre)

Così si è espressa la Corte Costituzionale con la sentenza n. 265/16 depositata il 15 dicembre. Il caso. Il Presidente del Consiglio dei Ministri, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, impugnava l’art....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.