POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 05 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

spese processuali | 01 Dicembre 2016

Il Comune non rimborsa le spese legali al consigliere processato nonostante l'assoluzione con formula piena

di Fabio Valerini - Avvocato cassazionista, Dottore di ricerca nell'Università di Roma Tor Vergata

Il TAR Puglia prende in esame una fattispecie abbastanza ricorrente che nasce dalla sottoposizione a processo penale di un dipendente del Comune o di un consigliere comunale (o di un assessore o di un sindaco) per fatti connessi con la propria attività svolta in occasione della propria attività.

(TAR Puglia, sez. II – Lecce, sentenza n. 1821/16; depositata il 28 novembre)

La sentenza in questione è la n. 1821/2016 del TAR Puglia, sezione di Lecce. La richiesta di rimborso. Ebbene, nell'ipotesi che l'imputato venga assolto - come nel caso di specie - con formula piena perché il fatto non sussiste,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.