POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 28 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

rapporti fra coniugi | 27 Ottobre 2016

Il Consiglio di Stato apre agli accordi economici nelle separazioni o divorzi semplificati

di Giulia Milizia

Con la sentenza qui annotata il CdS ha ribaltato l’esegesi letterale estensiva del divieto di patti di trasferimento patrimoniale ex art. 12 d.l. n. 132/14 (separazione o divorzio innanzi all’ufficiale di stato civile), elaborata dal TAR Lazio con la sentenza n. 7813/16, secondo cui non erano valide le restrizioni previste, con un revirement, dalla Circolare del Ministero dell’Interno n. 6/15: lo limita all’ipotesi di assegno una tantum, escludendolo invece in caso di assegno mensile di mantenimento.

(Consiglio di Stato, sez. III, sentenza n. 4478/16; depositata il 26 ottobre)

È quanto deciso dal Consiglio di Stato, sez. III (in sede giurisdizionale) con la sentenza n.4478 depositata il 26 ottobre 2016. Il caso. Il CdS ha accolto il gravame del Viminale e del Ministero di Giustizia, salvo il primo motivo sull’inammissibilità...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.