POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 16 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

riforma costituzionale | 18 Aprile 2016

In G.U. il testo di legge costituzionale

  E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 88 del 15 aprile 2016, il testo di legge costituzionale recante «Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione». Nei prossimi giorni verrà pubblicato un approfondimento a firma dell’avvocato Giuseppe Marino.

 

 

Il testo di legge costituzionale pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 88 del 15 aprile 2016 è stato pubblicato il testo di legge costituzionale recante: «Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione». 

Tra le modifiche più rilevanti… Il testo di legge, come abbiamo avuto modo di segnalare in altre occasioni, si pone come obiettivo la fine del bicameralismo c.d. perfetto, con la modifica del ruolo e della composizione del Senato. Va, inoltre, a ridefinire il riparto di competenze tra Stato e Regioni (Titolo V della Cost.), modifica le regole sull’elezione dei Giudici della Consulta ed abolisce il CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro).