POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 19 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

riforma costituzionale | 13 Aprile 2016

Via libera definitivo della Camera alla riforma costituzionale

  Durante la seduta di martedì 12 aprile 2016, la Camera dei deputati ha approvato in via definitiva, con 361 voti favorevoli e 7 contrari, il disegno di legge costituzionale, c.d. “d.d.l. Boschi”, (C. 2613-D), che prevede il superamento del bicameralismo paritario. Ora la parola passa ai cittadini che, con il referendum del prossimo autunno, sono chiamati ad esprimere la loro opinione sulla riforma della nostra Carta fondamentale.

 

Riforma costituzionale: esame superato in via definitiva. Dopo l’approvazione della maggioranza assoluta dei componenti il Senato, ottenuta lo scorso 12 gennaio, il disegno di legge di riforma costituzionale ottiene l’ok definitivo dalla Camera dei deputati (361 voti favorevoli e 7 contrari).
Il disegno di legge, c.d. “d.d.l. Boschi” prevede disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, caratterizzante il nostro ordinamento, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione.

Ora la parola passa ai cittadini. Terminato il lungo percorso parlamentare, ora saranno i cittadini, con il referendum del prossimo autunno, ad esprimere la loro opinione sulla riforma della Costituzione.