Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 03 dicembre 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 18 Marzo 2016

Orlando a Palazzo Madama sulla cooperazione giudiziaria

Il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha preso parte al convegno “La cooperazione giudiziaria nell’era delle minacce globali. La riforma del Libro XI del codice di procedura penale”, organizzato nella mattinata del 18 marzo 2016 presso la Sala Koch di Palazzo Madama.

Il ruolo cruciale della cooperazione. Il Guardasigilli ha sottolineato che il tema della cooperazione è sottovalutato, ma riveste un’importanza cruciale rispetto alla tenuta degli Stati democratici. Secondo Orlando è necessario « avere norme comuni con gli altri Paesi europei altrimenti il tema della percezione dell'insicurezza è destinato a diventare più grande. Terrorismo, criminalità informatica, traffico di droga, riciclaggio, traffico dei migranti hanno ormai una dimensione transfrontaliera e tale va affrontata». Il numero uno di via Arenula ha aggiunto che deve essere possibile prelevare le impronte digitali dei migranti negli hotspot, purché ciò avvenga nel «rispetto delle garanzie e della tutela dei diritti umani». Orlando ha precisato che «chiediamo collaborazione a chi chiede lo status di rifugiato, per cui un presupposto fondamentale è l'identificazione». Il Ministro della Giustizia ha chiosato, rilevando come la carenza di organico nei Tribunali affligga tutti gli uffici giudiziari del Paese.