Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 25 agosto 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

milleproroghe | 29 Febbraio 2016

La Gazzetta Ufficiale “fa spazio” al Milleproroghe

E’ stato pubblicata nella Gazzetta Ufficiale di venerdì 26 febbraio 2016, la l. n. 21/2016, di conversione del d.l. 210/2015 (c.d. Milleproroghe), recante la proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Il provvedimento, che era stato approvato lo scorso mercoledì dall’Assemblea del Senato, è entrato in vigore il 27 febbraio 2016.

Professionisti e processo amministrativo telematico: più tempo per tutti. Si è concluso con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 47 di venerdì 26 febbraio 2016, l’iter del c.d. Milleproroghe.
La l. n. 21/2016, di conversione del decreto, recante la proroga di termini contenuti in disposizioni legislative, è entrata in vigore il giorno successivo alla pubblicazione.
Il provvedimento, che interviene ad ampio raggio in svariate materie, reca con sé importanti novità nell’ambito della giustizia.
Tra gli interventi da ricordare, il rinvio di un anno del termine per la maturazione dei requisiti per l’esercizio del patrocinio presso le giurisdizioni superiori, con la conseguente possibilità per i professionisti di poter patrocinare in tal sede dopo dodici anni di esercizio della professione.
Allo scadere del prorogato termine, gli avvocati saranno abilitati al patrocinio dopo aver sostenuto un apposito esame ovvero un corso, in ossequio a quanto previsto dalla l. n. 247/2012.
E’ rinviato, all’1 luglio 2016, anche il termine a far data da cui sarà introdotto l’obbligo di sottoscrizione, con firma digitale, dei provvedimenti e degli atti del procedimento amministrativo.
La data di scadenza per l’adozione delle specifiche tecniche relative alla pubblicazione di dati e documentazione sul portale delle vendite telematiche è stata fissata per il 31 dicembre 2016.
Per quanto riguarda l'assetto territoriale degli uffici dei giudici di pace, è stato rinviato al 31 maggio 2018, il termine entro cui il Ministero della Giustizia deve apportare, con decreto, le modifiche alle tabelle di cui agli artt. 1 e 2 del d. lgs. n. 156/2012, concernenti la soppressione degli uffici del giudice di pace.

L’esenzione dal pagamento del contributo addizionale sul licenziamento. Sono, inoltre, previste proroghe in materia di diritto del lavoro. In particolare, è rinviata al 31 dicembre 2016, l’esenzione dal pagamento del contributo addizionale sul licenziamento a carico del datore di lavoro, nelle ipotesi previste dall’art. 2, comma 34, della l. n. 92/2012 (licenziamenti effettuati in conseguenza di cambi di appalto, interruzione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, nel settore delle costruzioni, per completamento dell’attività e chiusura del cantiere).

 



Qui la l. 25 febbraio 2016, n. 21, pubblicata in G.U. del 26 febbraio 2016, n. 47