POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

milleproroghe | 25 Febbraio 2016

Palazzo Madama approva il Milleproroghe

Lo scorso mercoledì 24 febbraio 2016, il Senato ha approvato in via definitiva il decreto n. 2237, di conversione del d.l. n. 210/2015, recante disposizioni concernenti la proroga dei termini previsti da svariate previsioni legislative, c.d. decreto Milleproroghe. Il testo aveva ottenuto il via libera da Montecitorio il 10 febbraio scorso.

Gli interventi nel settore della giustizia. Il 24 febbraio 2016, l’Assemblea di Palazzo Madama ha dato l’ok definitivo al decreto c.d. Milleproroghe, recante appunto la proroga dei termini previsti da numerose previsioni legislative, con 155 voti favorevoli e 122 contrari.
Il provvedimento interviene a tutto campo, in svariati settori; nell’ambito della giustizia, è necessario ricordare che il decreto rinvia di un anno il termine per maturare i requisiti per l’esercizio del patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori, esclusivamente grazie al decorrere del tempo, facendo slittare la data ultima dal 2 febbraio 2016 al 2 febbraio 2017.
Fino al prossimo anno, quindi, i professionisti potranno patrocinare presso le giurisdizioni superiori, dopo aver maturato dodici anni di esercizio della professione; scaduto il termine prorogato, però, dovranno sostenere un esame oppure frequentare un corso, secondo quanto previsto dalla l. n. 247/2012 (legge di riforma della professione forense).
Altro rinvio operato dal decreto concerne l’ambito del processo amministrativo; il provvedimento, infatti, proroga di sei mesi, ovvero sino all’1 luglio 2016, il termine da cui sarà obbligatoria la sottoscrizione, con firma digitale, di tutti i provvedimenti del giudice e dei suoi ausiliari, del personale degli uffici giudiziari e delle parti.
E’, infine, rinviata al 31 dicembre 2016, la data di scadenza per l’adozione delle specifiche tecniche per la pubblicazione di dati e documenti sul portale delle vendite pubbliche.