Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 05 dicembre 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 23 Febbraio 2016

Via Arenula ad ampio raggio: dalla pena di morte all’accordo di cooperazione con la Federazione Russa

Il 22 febbraio 2016, presso la nuova aula del Palazzo dei Gruppi della Camera dei Deputati, il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, è intervenuto durante il IX Congresso internazionale dei Ministri della Giustizia, intitolato “A world without the Death penalty”. L’evento è stato organizzato con lo scopo di sostenere la campagna per l’abolizione della pena di morte nel mondo. Inoltre, il 23 febbraio 2016, il Guardasigilli ha siglato un programma di cooperazione tra Ministeri della Giustizia, per il biennio 2016 – 2017, con la Federazione Russa.  

Un impegno, passato e futuro, per l’abolizione della pena di morte. In occasione del IX Congresso internazionale dei Ministri della Giustizia, il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha ricordato come la cancellazione della pena di morte, dall’ordinamento italiano, sia arrivata all’esito di un percorso graduale. Questo iter, ha precisato il Guardasigilli, ha visto una naturale prosecuzione nell’impegno, dello Stato, in favore di una moratoria universale della pena capitale.
Orlando ha, inoltre, sottolineato che l’Italia si è adoperata per fare in modo che l’abolizione della pena di morte diventasse anche una priorità dell’Unione Europea, contribuendo alla redazione delle Linee Guida dell’Unione Europea (datate 2013) in materia.
il Ministro ha evidenziato la promozione, da parte del nostro Paese, in ambito ONU, di numerose iniziative relative alla pena di morte, fino all’ adozione della prima Risoluzione dell’Assemblea Generale per la moratoria della pena di morte, nel 2007.
Orlando ha, inoltre, annunciato che, nell’autunno prossimo, sarà presentata una nuova risoluzione « per consolidare il consenso ottenuto negli anni scorsi, anche alla luce delle sfide con cui ci confrontiamo a livello internazionale».
Nonostante il senso di insicurezza, che domina la collettività, a seguito dei tragici e frequenti attacchi terroristici in molte parti del mondo e, di recente, anche in Europa, è necessario, ha chiosato Orlando, «sfuggire alla tentazione di ritenere necessario il ricorso a misure “forti” ed “esemplari”».

Un programma di cooperazione per il biennio 2016 – 2017. Il 23 febbraio 2016, il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha incontrato, in via Arenula, il Ministro della Giustizia della Federazione Russa, Alexander Konovalov.
Per consolidare la collaborazione, nel settore giustizia, tra l’Italia e la Federazione Russa, i due Ministri hanno sottoscritto un programma di cooperazione per il biennio 2016 – 2017.
L’accordo prevede la realizzazione di una serie di seminari, concernenti lo scambio di informazioni e di esperienze nell’ambito della giustizia civile, della risoluzione alternativa delle controversie, del contrasto ai reati economici e finanziari, compresa la corruzione.
E’, inoltre, auspicato un confronto sul sistema penitenziario, con particolare riferimento all’esecuzione penale, al trasferimento delle persone condannate ed alla formazione degli operatori.