POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 22 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 15 Febbraio 2016

Malfunzionamento del registro generale degli indirizzi di venerdì 12 febbraio

Il Ministero della Giustizia ha diffuso una comunicazione avente ad oggetto il malfunzionamento del registro generale degli indirizzi (Re.GInd.E), con la quale avvisa che, a partire dalle ore 11.38 di venerdì 12 febbraio e sino alle ore 13.49 del medesimo giorno, a causa di un errore nella comunicazione di talune variazioni al Registro generale degli indirizzi, si è prodotta la cancellazione di taluni indirizzi PEC di avvocati.

Malfunzionamento del registro generale degli indirizzi: 11.38 - 13.49 di venerdì 12 febbraio. Il Ministero della Giustizia, DGSIA – Direzione Generale per i sistemi informativi automatizzati, informa che, «a partire dalle ore 11.38 di venerdì 12 febbraio e sino alle ore 13.49 del medesimo giorno, a causa di un errore nella comunicazione dei talune variazioni al registro generale degli indirizzi, si è prodotta la cancellazione di taluni indirizzi PEC di avvocati».
«Nel caso, quindi», continua la comunicazione, «che le comunicazioni effettuate in tale fascia oraria siano state eseguite mediante “deposito presso la cancelleria”, è opportuno provvedere alla loro rinnovazione».
Invece, si legge in conclusione, «le restanti comunicazioni/notificazioni devono ritenersi pienamente valide».

 



Qui la comunicazione del Ministero della Giustizia