POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 30 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

ultime dal cdm | 06 Luglio 2015

È il Ministero della Giustizia e non più i Comuni a dover sostenere le spese degli uffici giudiziari

Su proposta del Ministro Orlando, il Consiglio dei Ministri n. 72 ha approvato in via preliminare un regolamento di attuazione della legge di Stabilità, il quale ha prescritto che, a partire dal 1° settembre 2015, le spese obbligatorie che riguardano il funzionamento degli uffici giudiziari dovranno essere sostenute dal Ministero della Giustizia e non più dai Comuni. Ecco cosa cambia.

Si è riunito lo scorso venerdì 3 luglio alle ore 11. 25 a Palazzo Chigi il Consiglio dei Ministri, durante il quale il Ministro per le Riforme Maria Elena Boschi ha comunicato al Governo che sono stati adottati diversi provvedimenti attuativi.
Anagrafe nazionale della popolazione residente. Il primo di questi ha ad oggetto l’anagrafe nazionale della popolazione residente, ossia il regolamento di adeguamento del provvedimento anagrafico della popolazione residente alla disciplina istitutiva dell’anagrafe nazionale della popolazione residente.
Banca dati nazionale del DNA. Il secondo provvedimento è un regolamento istitutivo della banca dati nazionale del DNA e del laboratorio centrale per la banca dati nazionale del DNA.
Spese per il funzionamento degli uffici giudiziari. Inoltre, è stato approvato, su proposta del Ministro della Giustizia Orlando, un regolamento di attuazione della l. n. 190/14 (nota come legge di Stabilità 2015), il quale ha previsto che dal 1° settembre 2015, le spese obbligatorie relative al funzionamento degli uffici giudiziari dovranno essere sostenute non più dai Comuni, ma dal Ministero della Giustizia.
Misure organizzative. Tale regolamento illustra le misure necessarie a livello organizzativo per attuare questa importante innovazione.
A livello centrale, le competenze legate al funzionamento degli uffici giudiziari sono state assegnate alla Direzione generale delle risorse materiali e delle tecnologie.
A livello periferico, invece, si è prevista l’istituzione di una commissione permanente, competente per gli uffici giudiziari che hanno sede nello stesso circondario, che ha il dovere di indicare i fabbisogni necessari per il funzionamento degli uffici, come ad esempio, la manutenzione degli immobili, il riscaldamento e la climatizzazione.
Consiglio di Stato e pareri delle Commissioni parlamentari. Prima di tornare all’esame del Consiglio dei Ministri, il provvedimento sarà esaminato dal Consiglio di Stato e sarà oggetto dei pareri delle Commissioni parlamentari competenti.