POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 18 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

spese processuali | 17 Luglio 2014

Amministrazione lumaca: il processo lo deve pagare lei

di Marilisa Bombi

  L’inerzia dell’Amministrazione non può essere, almeno ai fini della condanna alle spese processuali, sempre e comunque giustificata e, quindi, il cittadino pakistano al quale è stato riconosciuto il diritto di avere una risposta formale alla sua richiesta di cittadinanza con l’obbligo della Prefettura competente di concludere con un provvedimento espresso il procedimento di concessione della cittadinanza italiana attivato ex art. 9, comma 1, lettera f), l. n. 91/1992 non può essere fatto carico delle spese processuali.

(Consiglio di Stato, sez. III, sentenza n. 3682/14; depositata il 14 luglio)

  E’ quanto affermato dal Consiglio di Stato nella sentenza n. 3682, depositata il 14 luglio 2014. Procedimento di cittadinanza lumaca: Il Ministero dell'Interno paghi almeno le spese processuali. La cronica carenza di personale...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.