POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 02 giugno 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

sosta a pagamento | 30 Maggio 2014

Franchigia torinese per chi tarda un po’ rispetto al dovuto

di Stefano Manzelli

L’automobilista che parcheggia sulle strisce blu senza corrispondere alcun importo incorrerà nella sanzione di 41 euro prevista dall’art. 157 del codice della strada mentre chi tarda a spostare il mezzo nonostante il regolare biglietto collezionerà una multa da 25 euro per violazione dell’art. 7 cds. Ma solo a decorrere dal 16° minuto di ritardo.

 

Multa da 25 euro, ma solo a decorrere dal 16° minuto di ritardo. Lo ha deciso il comune di Torino con la deliberazione della Giunta comunale n. 2014 02026/119 del 7 maggio 2014. Il sindaco di Torino, attuale presidente dell’Anci, non ha perso tempo. Nonostante le diverse indicazioni espresse dal ministro Maurizio Lupi a parere dell’associazione dei comuni chi lascia in sosta un veicolo in una zona a pagamento oltre al termine concordato incorre necessariamente in una sanzione stradale. Ma da qualche anno il Ministero dei Trasporti ha evidenziato che questa procedura non è corretta trattandosi di un mero inadempimento contrattuale. Dopo la dura presa di posizione in tal senso del ministro dei trasporti l’Anci ha richiesto chiarimenti diramando il 28 marzo una nota operativa che ribadisce la posizione storicamente assunta dai comuni. Ovvero che in caso di mancato pagamento del ticket la multa è quella prevista dall’art. 157 cds (41 euro) e in caso di sosta oltre al tempo consentito la sanzione è quella prevista dall’art. 7 cds (25 euro), a prescindere dalla durata del ritardo. Nella seduta di martedì 1° aprile la commissione trasporti della camera ha quindi analizzato la difficile condizione operativa approvando due risoluzioni che impegnano il governo a fornire chiarimenti definitivi. In buona sostanza spetterà al ministero dei trasporti mettere la parola fine alla complessa vicenda con una apposita definitiva circolare interpretativa. Anche rivedendo il dettato normativo, se necessario, nel senso di introdurre una soglia di tolleranza temporale per l’applicazione delle sanzioni. Il presidente dell’Anci ha quindi immediatamente tradotto in regole operative lo spirito di queste osservazioni adottando la delibera di giunta in commento. In caso di sosta in zona blu omettendo il pagamento del ticket scatterà una multa di 41 euro per violazione dell’art. 157 cds. Per i ritardatari la multa sarà invece ridotta a 25 euro (salvo l’ulteriore sconto del 30% per chi paga entro 5 giorni), ma solo dal 16° minuto. L’acquisto di un titolo che permette la sosta per almeno un ora, nel caso di Torino, introduce infatti automaticamente una franchigia di 15 minuti. Quindi solo dal 16° minuto potranno scattare le multe.