POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 20 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

appalto | 09 Luglio 2013

L’interruzione ipso iure per il fallimento di una parte nel processo amministrativo alla luce della moderna giurisprudenza anche della Consulta

di Giulia Milizia

Il diritto processuale civile ha introdotto una nuova ipotesi di interruzione automatica del giudizio in caso di fallimento di una parte. La giurisprudenza, anche della Consulta, ha elaborato varie tesi sul calcolo del dies a quo da cui far decorrere la riassunzione (art. 305 c.p.c.): la sentenza le analizza, evidenziando analogie e differenze nei due processi.

(TAR Abruzzo, sez. I, sentenza n. 545/13; depositata l’8 giugno)

La sentenza del Tar Abruzzo, sez. I, n. 545 dell’8 giugno 2013, nell’esaminare queste tematiche, esplica regole di diritto spesso poco note agli stessi operatori. Nella fattispecie è stata confermata l’estinzione del giudizio,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.