POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 25 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

CORTE DI GIUSTIZIA | 07 Dicembre 2005

Le etichette dei mangimi composti sono tolleranti (al 15 per cento)

Non è valida la parte della direttiva che impone al produttore di fornire su richiesta del cliente la composizione esatta dell'alimento. Per il resto la parità di trattamento con chi produce alimenti per l'uomo è sacrificata in nome della sanità pubblica

(Corte di giustizia Europea, Grande sezione, sentenza nella cause C-453/03-11/04-12/04-194/04; depositata il 6 dicembre 2005)

I produttori di mangimi composti devono indicare nelle etichette le quantità delle materie prime che compongono i prodotti con una tolleranza pari al 15% del valore dichiarato. La Grande sezione della Corte di Giustizia delle Comunità europee si è pronunciata...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.