POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

CONSIGLIO DI STATO | 10 Settembre 2005

Appalti: le infiltrazioni mafiose possono essere contestate anche a contratto stipulato

Confermata la revoca del servizio di smaltimento rifiuti ad un Consorzio al quale il prefetto di Napoli aveva rilasciato la certificazione avviando però ulteriori accertamenti scoprendo che in un'altra gara c'erano state minacce ai concorrenti

(Sezione quinta, decisione 4408/05; depositata il 29 agosto)

Infiltrazioni mafiose, minacciare un imprenditore per farlo da desistere dall'appalto può costare la revoca del contratto stipulato con il Comune. Del resto, intimorire i contendenti rientra nell'ottica prevaricatrice tipica della malavita organizzata....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.