POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 12 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

Delitti contro la pubblica amministrazione | 18 Marzo 2021

Violazione di segreti d’ufficio e imparzialità della P.A.

di Laura Piras - Avvocato

Ai fini della configurabilità della fattispecie di cui all’art. 326 c.p. relativamente alla rivelazione di notizie riguardanti procedimenti in fase di indagini, non è necessaria la prova di un effettivo pregiudizio alle investigazioni, atteso che trattandosi di un reato di pericolo concreto che tutela il buon andamento della P.A., lo stesso sussiste anche quando la divulgazione sia meramente suscettibile di recare pregiudizio all’interesse tutelato dalla norma o a terzi.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 10296/21; depositata il 17 marzo)

Sul tema la Corte di Cassazione con la sentenza n. 10296/21, depositata il 17 marzo.   Il caso. L’imputata veniva condannata in primo e secondo grato per il reato di accesso abusivo al sistema telematico della banca dati RE.GE. e...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.