POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 18 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la pubblica amministrazione | 05 Marzo 2021

La Cassazione in tema di violazione del segreto d’ufficio e accesso abusivo a sistema informatico

Il velo del segreto copre anche l’assenza di segreti…

di Claudio Bossi - Avvocato penalista, Senior partner dello Studio legale Associato B.B.D.

Sono da considerarsi operazioni ontologicamente estranee a quelle consentite all’agente sia allorché violi i limiti risultanti dal complesso delle prescrizioni impartite dal titolare del sistema sia allorquando ponga in essere operazioni di natura ontologicamente diverse da quelli di cui egli è incaricato ed in relazione alle quali l’accesso era lui consentito.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 8911/21; depositata il 4 marzo)

Ai fini di verificare la sussistenza dell’ipotesi aggravata di cui al comma secondo n. 1 dell’art. 615-ter, è necessario che il fatto sia commesso da pubblico ufficiale o da incaricato di pubblico servizio con abuso dei poteri o...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.