POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 18 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la pubblica amministrazione | 24 Febbraio 2021

Scriminate dalla reazione agli atti arbitrari della pubblica amministrazione le offese rivolte agli agenti di polizia

di Fabio Valerini - Avvocato cassazionista, Dottore di ricerca nell'Università di Roma Tor Vergata

La sentenza del Tribunale di Parma del 14 dicembre 2020, n. 1212 consente di vedere un’applicazione paradigmatica della particolare esimente o scriminante prevista oggi dall’art. 393-bis c.p. relativa alla reazione agli atti arbitrati della pubblica amministrazione.

(Tribunale di Parma, sentenza n. 1212/20; depositata il 14 dicembre)

Una fattispecie che ha conosciuto alterne vicende in quanto espressione del punto di equilibrio del rapporto tra autorità e cittadino unitamente certamente a quella di oltraggio a pubblico ufficiale.   Le offese alla polizia. Orbene,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.