POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 07 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure cautelari | 22 Febbraio 2021

Le SS.UU. statuiscono la natura (sempre) multifattoriale della valutazione delle condizioni di detenzione ai fini dell’art. 35-ter o.p.

di Donato La Muscatella - Avvocato

La Cassazione, nella sua massima composizione, torna ad occuparsi delle condizioni di detenzione, declinando i principi dettati – nell’ambito di condanne ricevute dal nostro Paese – dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. Più in dettaglio, stabilisce quali siano i criteri che devono guidare il Magistrato di Sorveglianza che debba gestire i rimedi alle violazioni convenzionali elaborati qualche anno fa, quale diretta conseguenza – tanto da esser espressamente estesi ai ricorrenti del caso (ai sensi dell’art. 2, d.l. n. 92/2014) – della sentenza Torreggiani (cfr. Corte EDU, 8/1/2013, Torreggiani v. Italia). Lo fa, mediante un’analitica ricostruzione dell’evoluzione storico-legislativa intervenuta sul punto, utile a comprendere al meglio i rapporti tra Corti Supreme, la ratio legis e, conseguentemente, il margine discrezionale attribuito ai giudici nazionali che si trovino ad applicare le disposizioni così promulgate.  

(Corte di Cassazione, Sezioni Unite Penali, sentenza n. 6551/21; depositata il 19 febbraio)

La procedura di sorveglianza a quo riguarda il parziale accoglimento dell’istanza di riparazione del pregiudizio subito da un soggetto, detenuto presso diversi istituti di pena, cui il Magistrato aveva liquidato, per tali ragioni, la somma di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.