POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 28 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la pubblica amministrazione | 19 Gennaio 2021

Tra millantato credito e traffico di influenze illecite. E la truffa?

di Claudio Bossi - Avvocato penalista, Senior partner dello Studio legale Associato B.B.D.

Le condotte di colui che, vantando un’influenza effettiva verso il pubblico ufficiale, si fa dare o promettere denaro o altra utilità come prezzo della propria mediazione o col pretesto di dover comprare il favore del pubblico ufficiale, riconducibili prima della riforma del 2019 al reato di millantato credito, devono essere sussunte nella fattispecie di cui all’articolo 346-bis c.p. (traffico di influenze illecite) atteso il rapporto di continuità tra norma generale e quella speciale.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 1869/21; depositata il 18 gennaio)

La diversità del bene protetto della fattispecie penale descritta dall’articolo 640 c.p. e quella indicata dall’articolo 346-bis c.p., consente il concorso formale fra le due norme. Così la Sesta Sezione Penale della Suprema...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.