POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 09 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

notificazioni | 10 Dicembre 2020

Imputato irreperibile ma, contattato al cellulare, partecipa alle udienze: l’autorità giudiziaria doveva telefonargli per la notifica?

di Annalisa Gasparre - Avvocato e dottore di ricerca

In tema di notifica del decreto di citazione a giudizio (o atto equivalente), qualora l’autorità procedente sia in possesso del numero di telefono cellulare dell’accusato e non lo utilizzi per le ricerche, incorre in negligenza perché tale omissione si traduce nella incompletezza dell’attività di ricerca, inficiando il successivo decreto di irreperibilità ed ogni atto processuale ad esso connesso.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 34993/20; depositata il 9 dicembre)

Il caso. Il legale rappresentante di una s.r.l. dichiarata fallita era imputato del reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale per aver distratto il patrimonio societario, prestando garanzia mediante avallo di cambiali, in favore di altra s.r.l....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.