POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 16 gennaio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

circolazione stradale | 04 Dicembre 2020

“No” (forse) ai verbali di accertamento dello stato alcolemico a formazione progressiva

di Francesco, G. Capitani - Avvocato

Casistica frequentissima: gli avvertimenti ex artt. 356 c.p.p. - sulla possibilità di farsi assistere da un difensore quando il sottoposto ad accertamento è colto in stato alcolemico ex art. 186 c.d.s. –, dovranno essere contenuti nel primigenio verbale e non successivamente riprodotti dalla P.G. nelle annotazioni al Pubblico Ministero o (addirittura) provati per testimonianza dai medesimi nel corso processuale. L’accertamento sarebbe nullo, ma sussiste un contrasto: ora tocca alle Sezioni Unite.  

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, ordinanza n. 34337/20; depositata il 3 dicembre)

Così la Cassazione, con ordinanza n. 34337/20, depositata il 3 dicembre.   La disciplina codicistica (anche in caso di accertamento dello stato alcolemico di chi è alla guida di un veicolo ex art. 186 c.d.s.). L’art....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.